SIC! — Spazi di Intelligenza Collettiva

Lo spazio di autoformazione di Sociolab, aperto a chi ama la partecipazione e il community building

Sociolab
4 min readSep 25, 2023

Ogni attività, servizio o progetto che sviluppiamo può migliorare la sua efficacia se costruito in modo collaborativo e ideato a partire dal punto di vista di chi è direttamente interessato dall’intervento. Ma le persone a cui ci rivolgiamo possono essere molto diverse per esperienze, competenze e sensibilità.

Come Sociolab, riconosciamo che progettare interventi con e per persone con background e prospettive diverse aggiunge valore al nostro lavoro. La nostra esperienza ci insegna però che per migliorare la diversità e l’inclusione nei processi di innovazione servono attenzione, riflessione collettiva e metodo. Per questo, da ormai un anno abbiamo deciso di iniziare un percorso di autoformazione interno alla Cooperativa, che per la prima volta abbiamo aperto al pubblico nel febbraio 2023 con il primo eevento SIC! Spazi di intelligenza collettiva.

“SIC! Spazi di intelligenza collettiva” è proprio questo: uno spazio di autoformazione aperto a chi desidera confrontarsi su temi vicini alla partecipazione e al community building. Che oggi si avvicina alla terza edizione.

SIC!— VOLUME 1

Per la prima edizione pubblica di questa iniziativa, abbiamo scelto i temi della diversità e dell’inclusione, per chiederci collettivamente:

Come sviluppare azioni e servizi che siano aperti, accessibili e attenti alla diversità?

A cosa fare attenzione, che domande porsi e quali strumenti utilizzare per progettare interventi senza lasciare indietro nessuno?

L’evento si è tenuto il 17 febbraio a Firenze ed è stato organizzato con la struttura del Crowdlab®: una metodologia creata da Sociolab per favorire l’ispirazione e il coinvolgimento strutturato e interattivo di una vasta platea di partecipanti. Il format prevede tre slot, ciascuno dei quali si apre con un intervento “ispiratore” e poi prevede il coinvolgimento attivo del pubblico che, diviso in piccoli gruppi, produce domande collettive che vengono poste in tempo reale ai relatori e alle relatrici.

Sono intervenute:

  • La nostra collega Neusa Tsimba, antropologa di formazione, che ha risposto alle domande: come dialogano antropologia e design thinking in una progettazione? Come strutturare interventi per persone con background migratorio?
  • Alice Sodi, vice-Presidente di Neuropeculiar, che ci ha parlato di neurodiversità con un intervento dedicato a cosa prestare attenzione quando si collabora con persone neurodivergenti.
  • Elena Silvestrini, della rete Design Justice, che ci ha dato spunti e elementi di riflessione su come progettare percorsi, iniziative e servizi con un approccio intersezionale.

Puoi ascoltare i loro interventi nel podcast dedicato:
https://open.spotify.com/show/0Z2OObXPXS6JGuA9gJu1iK?si=5e6fc25c83a54d03

SIC!-VOLUME 2

La seconda edizione di “SIC!” è stata dedicata al visuale: fotografia, disegno, grafica e la facilitazione con strumenti visuali.

Lungo il nostro lavoro abbiamo capito quanto immagini e i medium visuali siano strumenti con grande potenziale per esplorare gli ecosistemi di innovazione. I medium visuali sono validi alleati per raccogliere informazioni ed ascoltare le persone, come anche un supporto per comunicare e raccontare in modo diverso processi complessi. Le immagini in particolare possono aiutarci ad aprire un dialogo tra posizioni, interessi, competenze differenti nei processi laboratoriali di attivazione/attivismo e riappropriazione della città.

L’evento si è tenuto il 15 Giugno presso Lumen, a Firenze. L’incontro è stato condotto combinando diversi strumenti di facilitazione visuale — ma anche creandone di nuovi! A partire dal contributo fotografico di ciascuna persona partecipante infatti è nato un nuovo photolangage urbano, che ci accompagnerà per guidare la riflessione di cittadine e cittadini sugli spazi urbani.

Sono intervenute:

  • La nostra collega Giulia Maraviglia, sociologa di formazione, che ha raccontato l’esperienza di Sociolab e facilitato il laboratorio “Immagini per Attivarsi”
  • Arianna Camellato, Architetta e attivista di Lumen, che ha mostrato il processo creativo che ha portato al racconto per immagini della trasformazione di Lumen
  • Giulia Bernini, Grafica, illustratrice,designer e co-ideatrice di Uovo alla Pop, che ha esplorato attraverso la sua esperienza il rapporto tra street art e città.

Puoi ascoltare i loro interventi nel podcast dedicato:
https://open.spotify.com/show/0Z2OObXPXS6JGuA9gJu1iK?si=5e6fc25c83a54d03

PROSSIMI PASSI

Il percorso di Sociolab per allargare gli spazi di intelligenza collettiva è iniziato quasi un anno fa, ma non è ancora finito.

Lasciaci qui un tuo contatto per non perdere il prossimo appuntamento!

--

--

Sociolab

Siamo un’impresa sociale. Facilitiamo la crescita di comunità e organizzazioni a partire dalle persone. www.sociolab.it